_   _     _  
_ _ _
  _ rem maps home _ header _  
_ _ _
  _   _  
_ _ _ _
  _ mappe _  
_ _ _ _
  _   _  
_ _ _ _
  _ incentive _  
_ _ _ _
  _   _  
_ _ _ _
  _ storia _  
_ _ _ _
  _   _  
_ _ _ _
  _ link _  
_ _ _ _
  _   _  
_ _ _ _
  _ info _  
_ _ _ _
  _   _  

STORIA DEL LOGO REM MAPS




Estate 2002 - Castello di Melegnano
Sulla prima proto rem map (Castello di Melegnano) non appare ancora il brand. 'Rem Maps' non esiste ancora. Per identificare l'appartenenza della mappa inserisco un 'rem' immerso nella cornice (forse troppo immerso :-)). Anche la seconda rem map, quella di Senago (la prima vera mappa su cui si svolgerà una gara regionale) prevede la stessa soluzione.



Gennaio 2005 - Parco Nord MBO
Sulla mappa da MBO del Parco Nord (la MBO è molto importante nella mia formazione da cartografo dato che nelle prime 4 mappe omologate, ben 3 sono per bici) appare per la prima volta il logo rem maps. La lanternina è di colore verde per richiamare il colore dell'impaginazione. Il font utilizzato per la scritta 'rem maps' è un semplice 'Lucida Sans'.



Marzo 2005 - S.Donato Milanese
Dopo poco, il colore verde della lanternina lascia spazio ad un più normale arancio. Da subito cerco una combinazione di colori per poter stampare anche a pantone questo colore non disponibile abitualmente per la stampa offset. La combinazione che si avvicina di più all'arancio originale (CMYB 0 50 100 0) è un GIALLO 100% e MARRONE 20%. Il colore arancio è molto utile anche per il logo FISO che generalmente nelle stampe offset viene sostituito da un marrone. Ironicamente questo zelo iniziale non viene premiato e la prima stampa a pantone di una rem map avviene nel 2014 per la carta Zebio dell'Erebus Vicenza.




Marzo 2009 - Loco di Rovegno
Ad un certo punto il logo rem maps ha bisogno di una svecchiata. Ormai l'attività è ben avviata e anche il logo necessita di un tocco più professionale (oltretutto il logo vecchio, a guardarlo bene è anche un po' storto). Il nuovo logo sostituisce il font 'Lucida Sans' con uno più corposo e pixelato e aggiunge ai lati quattro pezzi di scotch di carta che sembrano attaccare il logo alla mappa. Lo scotch di carta, fino all'avvento del rilievo con tablet, è stato uno strumento essenziale, per far aderire la carta base alla tavoletta e allo strato di poliestere.

Per vedere un excursus di come sono cambiati gli strumenti di rilievo in questi anni clicca qui
_ english
_ _ _
  _   _  
   
_